Home

I have this thing in my mind…it always happens when I quickly see something that really catches my eyes but it stays in the back of my mind until one day, totally unexpected, it pops out again…and it slowly becomes an obsession.

It is happening now with a particular bag, whose presence is lately more and more frequent in fashion shows and on the streets. The shape is really simple: it looks like the paper bag that my mom gets when she buys some bread, or perhaps more commonly known as the paper lunch sack that in US is daily used to carry the lunch.

It is already becoming a must-have, even more wanted, I am sure, after the latest version that Céline launched for SS13. Maison Martin Margiela already made its own version, then Chanel and Jil Sander after the Belgian brand. The PICNIC clutch, by Marie Turnor Accessories (a Los Angeles based handbag and accessories company designed by Beth Goodman) ‘was conceived after spotting an elegant woman walking in the Marais with a paper bag in her hand’. Inspired by Maison Martin Margiela, Ivania Carpio, designer for her own label DIY, created her (foil) lunch bag version, as well as Arthur Lhermitte who designed a suede lunch bag for Striiiipes.com. The genious idea of creating a proper paper bag readjusted as a sort of new (and literally unique) Chanel lunch bag, is spotted and posted on Zee Fashionista‘s blog.

For the SS13 Zara has ready its own lunch bag, while COS is now offering something quite similar in shape.

I like the fact that this most wanted and most appreciated bag is, in fact, an object of common use. And this is the genious of creativity: the most beautiful and appreciated thigs are often the simplest and most common ones, because they are the ones we are familiar with. Live the everyday life with irony and style is something that I am always looking for, and this kind of things, like the lunch bag, is something that makes me positively smile.

I definitely like it!

Ho questo pensiero per la mente…mi succede sempre dopo aver notato velocemente qualcosa che ha attratto la mia attenzione ma che, per qualche ragione, rimane confinata in un angolo del mio cervello finchè un giorno, del tutto inaspettato, riaffiora all’improvviso…e lentamente diventa per me un’ossessione.
Ed è esattamente ciò che mi sta accadendo riguardo una borsa alquanto particolare, la cui presenza è sempre più frequente tra le proposte dei grandi fashion designers e sulle strade stesse. La forma è molto semplice: mi ricorda la busta di carta che mia madre riceve quando acquista del pane fresco, o anche, come credo sia più comunemente conosciuta, più essere vista come una rievocazione molto scrupolosa della “paper lunch sack” usata giornalmente e da chiunque in America per trasportare il pranzo.
Ciò che sorprende è il fatto che sta rapidamente diventando un must-have specialmente, ne sono quasi certa, dopo l’ultimissima versione proposta da Cèline nella collezione P/E13. Maison Martin Margiela aveva già proposto una borsa ispirata alla comune lunch bag, sono seguiti alla casa di moda belga anche Chanel e Jil Sander.
La PICNIC clutch, creata dalla newyorchese Beth Goodman, designer di Marie Turnor Accessories, “è stata concepita dopo aver visto casualmente un’elegante signora camminare sulla Marais con una busta di carta in mano”. Ispirandosi alla creazione di Maison Martin Margiela, Ivania Carpio, con il suo marchio DIY, ha creato la sua personale versione in tessuto effetto “foglia laminata”, davvero originale, come la variante in pelle scamosciata di Arthur Lhermitte, creata per Striiiipes.com. Idea puramente ironica e geniale arriva poi dal blog Zee Fashionista, in cui è pubblicata la foto di una vera e propria busta di carta, riadattata in una sorta di “nuova” (e unica) Chanel Lunch Bag.
Non è stato di meno il marchio spagnolo Zara, che per la collezione P/E13 ha già pronta nei negozi la sua proposta, mentre COS, brand scandinavo parte di H&M Group, propone anch’esso qualcosa di simile nella forma.
Sono affascinata dal fatto che questa borsa di successo indiscusso derivi, di fatto, da un oggetto di usco così comume. Ed è questa la genialità della creatività: arrivare a creare e proporre oggetti comprensibili e familiari a noi tutti, puntando sul fatto vincente che sono spesso le cose semplici e “comuni” quelle più belle e apprezzate. Vivere la vita di tutti i giorni con ironia e stile è un atteggiamento che cerco sempre di assumere, e questo genere di cose, come la Lunch Bag, seppur non essendo un oggetto strettamente necessario, è qualcosa che apprezzo e mi fa sorridere.
Decisamente mi piace!

céline   céline   Céline

céline   céline   Céline

chanel   chanel   Chanel

Chanel-paper-bag   Chanel-“customized” version

jil sander   jil sander2             Jil Sander

marie turnormarie turnor2   Marie Turnor

DIY by Ivania Carpio   DIY by Ivania Carpio

arthur lhermitte   Atrhur Lhermitte

zara1   cos   Zara // COS

http://www.trendandthecity.it/2012/10/05/vedo-doppio-la-lunch-bag-di-celine-ss-2013-copiata-da-jil-sander-fall-2012/

http://www.grazia.it/moda/tendenze-moda

By Anna D.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s